CopyPastehas never been so tasty!

Gente Strana Posse - Capaci di odiare

by anonymous

  • 0
  • 0
  • 0
187 views

La pazienza ha un limite ma l'odio è infinito
più me l'ha represso, più me l'ha fomentato
ti avevo avvisato questo è il risultato
volevi distruggermi e mi hai potenziato

Nato sfruttato, disadattato
sono tra quelli che hai calpestato
sono quel figlio indesiderato
io sono l'escluso, l'emarginato

Verrò nel giusto e sarò condannato
perché recupero ciò che hai lasciato
perché i tuoi servi non mi hanno convinto
perché ci credo e non ho mollato

So dei disagi che c'hai regalato
sono gli anelli che ci hanno unito
contro i tuoi simili fedeli allo Stato
con i miei simili preparo l'attentato

Correndo verso la fine più atroce
e dalle viscere prendo la voce
senza controllo, senza più freno
respiro rabbia e sputo veleno
quando è violenza che chiama violenza
nessuna legge giustifica l'assenza
di quel fratello venuto a mancare
ancora oggi capace di odiare

Si trasformi in polvere
tutto il mondo attorno a me
per un istante ciò che c'è
possa tornare cenere

Sono capace d'odiare sovente
covo rancore ma paio suadente
il caos sovrano, la calma apparente
sarebbe più lieto se non fossi presente

C'è cu'nnavi chiù assai ravanti a cu'nnavi cchiù picca
c'è cuìnnavi la corda e cu ci l'avi e s'impicca
cu si rompi l'ossa o l'autri cu si impasticca
continuerà così tanto ti nn'arresta picca

Correndo verso la fine più atroce
e dalle viscere prendo la voce
senza controllo, senza più freno
respiro rabbia e sputo veleno
quando è violenza che chiama violenza
nessuna legge giustifica l'assenza
di quel fratello venuto a mancare
ancora oggi capace di odiare

Fortemente inasprito, maledettamente contrariato
più passa il tempo, più mi sento incazzato
a furia di battere l'incudine ha ceduto
non c'avevate creduto, il vostro tempo è scaduto
il nostro è arrivato e non si parla faccia a faccia
non è un avvertimento ma una pura minaccia
c'è da pagare il contro, preparatevi all'incontro
che non sarà un confronto ma un vero e proprio scontro
mo' che l'odio è a mille, la rabbia a fior di pelle
mi sono esplose le palle, ricorda che violenza chiama violenza
follia chiama follia, è un'epidemia
la rabbia è diventata una malattia che non si placa e non guarisce
l'odio fuoriesce sempre più forte
aumenta e cresce, bastardi no, non ci si more se non ci si nasce

Correndo verso la fine più atroce
e dalle viscere prendo la voce
senza controllo, senza più freno
respiro rabbia e sputo veleno
quando è violenza che chiama violenza
nessuna legge giustifica l'assenza
di quel fratello venuto a mancare
ancora oggi capace di odiare

Add A Comment: