CopyPastehas never been so tasty!

DEMOCRAZIA E DEBITO

by anonymous

  • 0
  • 0
  • 0
119 views

Finanza contro governo; oligarchia contro democrazia

La democrazia comporta che le dinamiche finanziarie siano subordinate al perseguimento dell’equilibrio economico e della crescita, così come la tassazione dei redditi da rendita o il mantenimento di monopoli di base pubblici. Il non tassare o il privatizzare le rendite di proprietà le rende “libere” di fluire nelle banche, per concedere poi prestiti ancora più consistenti. Finanziata dallo sfruttamento del debito, la chirurgia finanziaria aumenta la ricchezza di coloro che godono di posizioni di rendita mentre indebita l'economia in generale. L'economia si contrae, chiudendo in negativo il bilancio.

Il settore finanziario ha ormai un’influenza tale da poter utilizzare queste circostanze per convincere i governi che l'economia crolla se non “si salvano le banche". In pratica questo significa consolidare il controllo delle banche sulla politica, che usano questo controllo in modo da polarizzare ulteriormente le economie. Il modello di riferimento è quanto successe nell’antica Roma, nel passaggio dalla democrazia all’oligarchia. In realtà, dando priorità ai banchieri e lasciando che la pianificazione economica sia dettata dall’UE, dalla BCE e dal FMI si concreta la minaccia di privare lo stato-nazione del potere di stampare moneta o denaro e di riscuotere le tasse.

Il conflitto che ne risulta fa scontrare gli interessi finanziari contro l’autodeterminazione nazionale. L'idea di una banca centrale indipendente che sia "il segno distintivo della democrazia" è un eufemismo per destinare le decisioni politiche più importante - la capacità di creare moneta e credito – al settore finanziario. Invece di lasciar decidere politicamente a un referendum popolare, il salvataggio delle banche organizzato dall'UE e dalla BCE rappresenta oggi la principale causa dell’aumento del debito nazionale. I debiti bancari privati ​​caricati sul bilancio del governo in Irlanda e Grecia sono stati trasformati in obblighi per il contribuente. Lo stesso vale per i 13 trilioni di dollari aggiunti nel settembre 2008 (compresi i 5,3 trilioni dei pessimi prestiti di Fannie Mae e Freddie Mac portati nel bilancio del governo, e 2 trilioni di dollari di swap tossici della Federal Reserve).

Tutto ciò è stato dettato dai delegati della finanza, definiti eufemisticamente tecnocrati. Designati dai lobbisti creditori, il loro ruolo è quello di calcolare quanta disoccupazione e depressione sia necessaria per racimolare un attivo sufficiente per ripagare i debiti che sono sui libri contabili. Ciò che rende questo calcolo autolesionista è il fatto che la contrazione economica - deflazione - rende il peso del debito ancora più insostenibile.

Né le banche né le autorità pubbliche (o i principali accademici, se è per questo) hanno preso in considerazione l’effettiva capacità dell'economia di ripagare i debiti, ossia di pagare senza avere una contrazione dell'economia. Attraverso i loro media e i think tank, hanno convinto le popolazioni che il modo per arricchirsi più rapidamente fosse quello di prendere in prestito denaro per acquistare immobili, azioni e obbligazioni quando aumentano di prezzo – essendo stati gonfiati dal credito bancario - e di porre fine alla tassazione progressiva della ricchezza imposta nel secolo scorso.

Per dire le cose senza usare mezzi termini, il risultato è stato la creazione di una economia spazzatura. Il suo scopo è quello di disabilitare i pesi e i contrappesi pubblici, postando il potere di pianificazione nelle mani dell'alta finanza con la convinzione che questo sia il più efficiente metodo di regolamentazione pubblica. Il governo e la pianificazione fiscale vengono accusati di tracciare "la strada per la servitù", quando invece al "libero mercato" controllato dai banchieri viene dato modo di tutelare interessi particolare in modo oligarchico e non democratico. I governi devono pagare debiti assunti non per difendere i propri paesi in guerra come nel passato, ma a beneficio degli strati più ricchi della popolazione che spostano così le proprie perdite sui contribuenti.

Il non prendere in considerazione i voleri degli elettori pone i debiti nazionali su un terreno instabile, politicamente e anche legalmente. I debiti imposti da leggi, da governi stranieri o agenzie finanziarie a fronte di una forte opposizione popolare possono essere non riconosciuti, come fecero gli Asburgo e altri regnanti in epoche passate. In mancanza di una convalida popolare, essi possono morire insieme al regime che li ha contratti. Nuovi governi potrebbero agire democraticamente per subordinare il settore bancario e finanziario a servizio dell'economia, non il contrario.

Intanto, potrebbero chiedere la reintroduzione della tassazione progressiva dei capitali e dei redditi, spostare il carico fiscale sui percettori di rendite. La ri-regolamentazione del settore e una via pubblica per il credito e i servizi bancari potrebbero rinnovare il programma socialdemocratico che sembrava ben avviato un secolo fa.

L’Islanda e l’Argentina sono gli esempi più recenti, ma si può guardare indietro alla moratoria sui debiti di guerra della Prima Guerra Mondiale degli stati europei nei confronti degli Stati Uniti (tali debiti furono rinegoziati) oppure alla moratoria sui debiti tedeschi di riparazione per la Prima Guerra Mondiale nel 1931. Sussiste un principio tanto matematico, quanto politico: i debiti che non possono essere ripagati, non lo saranno.

 

fonte: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9522&mode&order=0&thold=0  

Add A Comment: